Perchè proprio quella vacanza?

20120616-121137.jpgQuando si avvicinano i ponti di primavera si inizia a pensare alle vacanze, e inizia il pellegrinaggio tra web e agenzie (più web in realtà) alla ricerca del viaggio che più ci ispira.

Ma cosa si cerca in realtà?

Il processo di acquisto delle vacanze (parliamo di turismo leisure e il soggetto è il cliente viaggiatore) è cambiato, ma il cambiamento non è superficiale, si tratta di una drammatica rivoluzione che ha influenzato profondamente il mercato dei viaggi, tanto profondamente e velocemente che l’offerta non si è adattata andando verso un inevitabile declino. Chiunque abbia visitato la BIT (o altre fiere del turismo) recentemente ha potuto osservare con i propri occhi quanto l’offerta sia morta. Dico morta perchè l’impressione era quella di visitare un campo di battaglia con pochi e mutilati sopravissuti. A questa apocalisse non scampano gli enti del turismo, i consorzi e gli assessorati, realtà di interesse politico senza più fondi ne scopo, persi come sono nella distribuzione di informazioni (inutili e non aggiornate, superate dalla rete) e dall’illusione di “stimolare il mercato” con campagne banali e invisibili. Ma anche le imprese di intermediazione TO e ADV, oltre che di erogazione dei servizi, sono perse nel marasma, chiuse tra la potenza di fuoco dei colossi del web e dei concorrenti, una guerra dei poveri dove tutti non possono che soccombere.

Unico soggetto che guadagna è il cliente (la domanda, in un ottica di mercato), guadagna in prezzi che crollano ma raramente in soddisfazione sui servizi e soddisfacimento dei suoi bisogni. Già, il punto è quello, i bisogni. L’offerta resta ottusamente chiusa nel considerare il turismo come la vendita di prodotti geografici, o culturali, o artistici, o naturali, senza ricordare che un prodotto è quel bene (o servizio) che soddisfa un bisogno, e quindi non è il bisogno che si deve adattare al prodotto, ma tutto il contrario.

Quei pochi che si sono posti il problema hanno iniziato a cambiare la loro offerta e a considerare come accessorio quello che prima (e talvolta ancora) era considerato prodotto vero e proprio.

La scelta della vacanza leisure inizia con la ricerca di un’esperienza, un’emozione, questo è il bisogno. Se poi per avere l’emozione del relax devo prenotare un volo, un hotel un ristorante o un massaggio, non importa, perchè sono una serie di beni accessori e anche necessari al prodotto che cerco, quello che soddisfa il mio vero bisogno.

Parliamone!

Annunci

Una risposta a “Perchè proprio quella vacanza?

  1. D’accordo, il bisogno delle persone è quello di avere un’esperienza, un’emozione.
    Aiutateci a fare dii villa Crespellani Architecture Experience, appunto un’esperienza capita e richiesta per quello che è.
    Grazie
    C

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...